STAI LEGGENDO

Scopri Monza sotterranea con la FAIMARATHON

Scopri Monza sotterranea con la FAIMARATHON

Esiste una fondazione meravigliosa in Italia: il FAI. Sapete tutti di cosa si tratta?

Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) è una fondazione italiana, nata nel 1975, con lo scopo di agire per la tutela, la salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico e naturale italiano, attraverso il restauro e l’apertura al pubblico dei beni storici, artistici o naturalistici ricevuti per donazione, eredità o comodato. Promuove l’educazione e la sensibilizzazione della collettività alla conoscenza, al rispetto e alla cura dell’arte delle della natura e l’intervento sul territorio in difesa del paesaggio e dei beni culturali italiani.

Domenica 18 ottobre a Monza è in arrivo la FAIMARATHON: una maratona culturale, un viaggio alla ricerca della bellezza che non siamo abituati ad osservare, ovvero quella dei luoghi  dove viviamo e di angoli della nostra città spesso trascurati.

Quest’anno sarà la quarta edizione e, grazie alla collaborazione del Comune, Monza farà parte delle 130 città italiana che vi parteciperanno.

Il tema che è stato scelto è quello della città sotterranea e dei luoghi nascosti come filo conduttore della manifestazione…secondo me qualcosa di molto bello e curioso perché permetterà di osservare luoghi che solitamente non sono accessibili e visibili, ricoperti anche da un filo di mistero….non facciamoci quindi scappare l’ opportunità di conoscere qualcosa di occulto della nostra città.

Le tappe del percorso saranno molto interessanti: si va dal Sottopalco del Teatrino di Corte della Villa reale, per passare dalla Tana dell’Orso dei Giardini e per finire con la Ghiacciaia ed i locali interrati della Villa Mirabello.

Chi non si è mai incuriosito sentendo le varie leggende che circolano nei teatri? Sarà sicuramente suggestivo poter vedere le macchine sceniche originali nel Sottopalco del Teatrino di Corte, ovvero le quattro coppie dei binari, i basamenti dei telai e le ruote di pietra: un mondo nascosto, affascinante per rivivere il “dietro le quinte” dei tempi lontani. Sarà poi possibile ammirare uno spazio dotato di un’ottima acustica che unisce l’ equilibrio dell’architettura all’eleganza della decorazione; anche il fondale dipinto dal nostro famose pittore Andrea Appiani merita di essere osservato con attenzione perché molto bello.

E cosa dire invece di quella grotta misteriosa che si vede vicino alla Torretta dei Giardini reali? Per me ha sempre rappresentato qualcosa di enigmatico…sappiamo solo che per tutto l’ Ottocento in ogni giardino romantico italiano si costruirono grotte e rocce artificiali, come possiamo notare anche nei nostri Giardini…ma non siete curiosi di saperne di più?

La maratona terminerà a Villa Mirabello, la bellissima dimora del Seicento, voluta dalla famiglia Durini, realizzata probabilmente sui ruderi del castello dei De Leyva, signori di Monza.

In Italia abbiamo un patrimonio storico ed artistico unico al mondo e grazie al Fai possiamo iniziare ad apprezzarlo e conoscerlo maggiormente: ricordatevi che non tutte le maratone si fanno di corsa, esistono anche maratone che si corrono con gli occhi.

La manifestazione si svolgerà dalle 10 alle 18, con ultima partenza alle ore 17.

Partenze ogni 30 minuti dalle 10 di mattina dal Teatrino di Villa reale e da Villa Mirabello.

Partecipazione: è possibile prenotarsi on line sul sito www.faimarathon.it o presso i banchetti Fai direttamente domenica 18 ottobre.

L’evento è gratuito, ci saranno agevolazioni per chi desidera iscriversi al Fai; gli iscritti Fai invece avranno la precedenza.

Maggiori informazioni ed iscrizioni: www.faimarathon.it  oppure contattare la Delegazione di Monza all’indirizzo  delegazionefai.monza@fondoambiente.it

http://faimarathon.it/luoghi#/lombardia/monza


Monzese doc, curiosa scopritrice della propria città, amante degli eventi particolari, romantica cittadina che adora girare sulla sua bicicletta alla scoperta di cose nuove da condividere.

RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
Seguici